Ultima modifica: 7 maggio 2018
CPIA 1 Pisa > Commissione Patto Formativo / Training Agreement Commission
Ultima modifica: 7 maggio 2018

Commissione Patto Formativo / Training Agreement Commission

Anteprima di stampa printer_famfamfam.gif

COMMISSIONE PER LA DEFINIZIONE DEL PATTO FORMATIVO INDIVIDUALE

Gli adulti che rientrano nel sistema di istruzione per conseguire uno dei titoli di studio previsti dall’ordinamento chiedono, contestualmente all’atto dell’iscrizione, il riconoscimento dei crediti ai fini della stipula del Patto formativo individuale.

Il processo di riconoscimento dei crediti e la definizione del Patto formativo individuale è realizzato da una apposita Commissione presieduta dal Dirigente Scolastico del CPIA, con sede presso il CPIA  stesso e così composta:

ISTITUZIONE SCOLASTICA Indirizzo Docenti
CPIA 1 – PISA Via Brigate Partigiane, 4 – Pontedera Luca Mancini, Simonetta Bernini, Giovanna Lucci,  Liviana Negri (istruzione carceraria)
I.P.S.S.A.R. “Matteotti” via Garibaldi, 194 – Pisa Anna Maria Agresta, Marina Polacco
Istituto d’Istruzione  Superiore “Santoni Largo C. Marchesi – Pisa Grazia Rossini, Cristina Matteucci
I.P.S.I.A. “Pacinotti” via Salcioli, 11 – Pontedera Silvia Quinzani
Liceo artistico “Russoli” via S. Frediano, 13 – Pisa Antonio Bartolozzi
I.T.C.G.  “Niccolini” via Guarnacci, 6 Volterra Alessandro Togoli (istruzione carceraria) , Cecilia Guelfi

(§ 3.3 Linee guida-Decreto Interministeriale 12 marzo 2015)

COSTITUZIONE

La Commissione:

  • viene costituita nel quadro dello specifico accordo di rete tra il CPIA e le istituzioni  scolastiche (scuole superiori) in cui sono incardinati i percorsi di 2° livello;
  • formalizza le sedute e i risultati delle stesse attraverso idonei supporti documentali   firmati da tutti i membri;
  • rimane in carica per un triennio.

Presidente:     Dirigente scolastico CPIA

Membri:          (la partecipazione alla Commissione costituisce obbligo di servizio)

  • docenti dei percorsi di 1° livello, 2° livello, alfabetizzazione e apprendimento della lingua  italiana ;
  • eventuali esperti e/o mediatori linguistici per studenti stranieri;
  • eventuali esperti esterni provenienti dal mondo del lavoro, delle professioni e della  ricerca scientifica e tecnologica e del terzo settore.

COMPITI

► Adozione del Regolamento previsto dall’accordo di rete sopra menzionato.

► Identificazione, valutazione, attestazione dei crediti in ingresso acquisiti in contesti precedenti (formali, non formali, informali).

► Definizione del patto formativo individuale.

► Predisposizione delle misure di sistema finalizzate a:

  • favorire gli opportuni raccordi tra i percorsi di istruzione di 1° e di 2° livello, attraverso:

– la definizione di criteri e modalità per la gestione comune delle funzioni attribuite alle  istituzioni scolastiche;

– la stesura del POF del CPIA, comprensivo delle attività di istruzione relative ai percorsi di  1° e di 2° livello;

– la progettazione comune dei percorsi di 1° e 2° livello.

  • favorire, altresì, nell’ambito delle attività di Ricerca, Sperimentazione e Sviluppo svolte dal CPIA in quanto Rete Territoriale di Servizio (§ 3.1.2 Linee guida):

– la lettura dei bisogni formativi sul territorio;

– la costruzione di profili di adulti definiti sulla base delle necessità dei contesti sociali e di lavoro;

– l’interpretazione dei bisogni di competenze e conoscenze della popolazione adulta;

– le procedure di accoglienza, orientamento e ri-orientamento;

– al miglioramento della qualità e dell’efficacia dell’istruzione degli adulti.

STRUMENTI

► Modello di domanda di riconoscimento dei crediti.

► Modello di libretto personale.

► Linee guida per la predisposizione di specifiche metodologie valutative e prove utili alla valutazione delle competenze.

► Modello di certificato di riconoscimento dei crediti per la personalizzazione del percorso.

► Modello di patto formativo individuale.